Smarrito la password?

Diventare coach

Dieci consigli e tante domande per aiutarti a individuare il corso di coaching più adatto alle tue esigenze.

1. Qual è la storia della scuola? Negli ultimi anni i corsi di coaching si sono moltiplicati in modo esponenziale. Il primo consiglio verte dunque sulla storia della scuola, quando ha iniziato, quanti corsi ha erogato, con quanti partecipanti, per quanto tempo. Chiedi dati effettivi che ispirino statistica. Chiedi di essere messo in contatto con persone che hanno già terminato qualche corso, in modo da avere referenze di prima mano.

2. La scuola offre il coaching che vuoi? Prima di tutto sarebbe opportuno che identifichi il modello di coaching che fa al caso tuo. Che tipo di coach vuoi essere? Esistono ormai diverse specialità e nicchie di business (ad es: corporate & executive coaching, life coaching, career coaching, relationship coaching, spiritual coaching, a molto altro) a cui rivolgere la propria attività. Il corso più idoneo alle tue esigenze dovrebbe offrire training adeguato intorno alla specialità che hai scelto. Se non hai alcuna esperienza, accertati che il corso sia progettato per chi accede alla professione.

3. La scuola offre una percorsi riconosciuti da ICF? Oppure prepara secondo gli standard e l’etica di ICF, in modo da poter accedere direttamente agli esami? Quali credenziali sono utili al tuo business e a te? I tuoi clienti avanzano richieste specifiche? La scuola aiuta ad accedere all’esame? La International Coach Federation è riconosciuta come Ente di standard eccellente, in tutto il mondo.

4. Il titolare della scuola ed i trainer sono con credenziali ICF? Non è solo indispensabile che i corsi siano predisposti per offrire le competenze che desideriamo incrementare. E’ altresì fondamentale che i trainer abbiano le basi per trasmettere i contenuti. Un trainer con credenziali ICF, o comunque in possesso di solide qualifiche, costituirà ulteriore garanzia alla scelta migliore.

5. Il programma del corso è conforme al tuo stile di apprendimento? Esistono corsi a cui si partecipa di persona, altri si svolgono al telefono, per mezzo di sistemi di e-learning o via webinar, altri usano metodi misti; alcuni sono erogati solo in lingua inglese, altri ancora direttamente nella nostra lingua. Come apprendi meglio? Cerca di aderire ad alcune teleclassi gratuite, se offerte, per verificare se il metodo ti risulta comprensibile.

6. Qual è il costo reale del corso prescelto? La retta pubblicata potrebbe non essere esauriente. Potrebbero essere necessari costi aggiuntivi di registrazione, costi relativi agli spostamenti (viaggi), ad eventuali pernottamenti (vitto e alloggio), costi di collegamento telefonico (spesso occorre agganciarsi ad un ponte internazionale), costi di spedizione materiali. Alcuni training richiedono che tu ti avvalga di un mentor coach per una serie di sessioni: anche questo è un costo aggiuntivo da considerare. In questo modo potrai conoscere con esattezza il costo reale del corso che stai scegliendo.

7. Qual è il costo dell’esame? Iscriversi ad un corso di coaching è una cosa, completarlo ed ottenere la credenziale ICF è un’altra faccenda. Frequentare una scuola di coaching non da necessariamente l’assicurazione di completare il corso. La fase ultima di ogni corso è infatti data dal superamento dell’esame finale. Bisogna anche ricordare che, dopo il corso è necessario accumulare il monte ore richiesto per il livello di credenziale scelto. Va ricordato che la redenzione ICF è un attestato di professionalità e di attività qualificata nella professione di coach, quindi è necessario lavorare effettivamente e attivamente come coach per arrivare a conseguire la credenziale. Dovresti calcolare quindi anche i costi correlati all’esame finale e all’ottenere la credenziale ICF (informazioni disponibili nella sezione: (come richiedere una credenziale ancora da costruire) e sul sito di ICF Global/Individual Credentialing.

8. L’apprendimento termina con la conclusione del corso? La decisione di diventare un coach è una scelta di vita legata all’apprendimento ed alla crescita continui. I professionisti del coaching frequentano corsi aggiuntivi per aggiornare e migliorare le proprie competenze. Il corso che stai scegliendo offre opportunità di aggiornamento? Ti accompagna nel percorso di crescita delle tue successive credenziali ICF?

9. La scuola ti supporta nel mettere a frutto ciò che hai appreso? La maggior parte dei corsi non prevede ulteriore coinvolgimento né accompagnamento nel posizionare la professione del coach. In ogni caso, questa è una buona domanda da porre.

10. Investiga sulle regole di politica finanziaria della scuola. Accertati che esistano regole di trattamento costi di iscrizione in caso di cancellazione del corso. Cosa succede se per qualche valido motivo sei costretto a rinunciare o a ritirarti dal corso? Cosa succede se il corso viene annullato?

Una raccomandazione finale: associati a ICF Italia!

Come socio:

    • hai la possibilità di interagire con coach professionisti
    • partecipi a condizioni di favore agli eventi e alle conferenze
    • puoi partecipare gratuitamente alle teleclassi tematiche tenute da coach con credenziali ICF di esperienza
    • scarichi gratuitamente, dalla Intranet riservata agli associati, diversi strumenti e le documentazioni delle scorse conferenze
    • puoi utilizzare il Logo di ICF Italia in accordo alle istruzioni nel  Manuale di Brand Identity